Skip to content
Menu

Le bambine e i bambini raccontano la scuola al tempo del COVID – 19

Toscana – Terranuova Bracciolini

Camilla – 8 anni

Camilla - 8 anni
/

Mi chiamo Camilla, ho 8 anni, sono di Terranuova Bracciolini in provincia di Arezzo. Secondo me la scuola ai tempi del covid è un po triste perchè bisogna indossare la mascherina, bisogna tenere le distanze e non si possono abbracciare i compagni e le maestre. Poi non si possono prestare le cose agli altri bambini e per questo lo trovo un po’ triste. La cosa che mi manca di più della scuola di prima è che non posso più abbracciare i compagni e le maestre, che non posso stare più senza mascherina, che in mensa bisogna stare distanziati e che non si può stare più stare di banco vicino agli altri. Fare la didattica a distanza un po’ mi è piaciuto perchè potevo dormire di più però avevo un po’ di difficoltà perchè le maestre a volte dovevano dettare e io rimanevo un po’ indietro. E poi non mi è piaciuta un pochino perchè non potevo vedere i miei compagni e non potevo vedere le mie maestre e mi mancavano tanto. Voglio raccontare di quando ho saltato un mese di scuola perchè la mia mamma aveva preso il Coronavirus quindi sono dovuta stare a casa e la mamma dormiva in soffitta mentre io dormivo in camera mia e il babbo in camera sua. Poi quando sono rientrata a scuola ero davvero felicissima, ero tanto emozionata. La cosa che è cambiata di più nella scuola è che bisogna tenere le mascherine e tenere le distanze, bisogna stare distanziati di un metro e poi che non ci si possono più scambiare i materiali scolastici e che bisogna igienizzarsi le mani quando si va a mensa e prima di fare merenda.

Condividi la voce dei bambini: