Skip to content
Menu

Le bambine e i bambini raccontano la scuola al tempo del COVID – 19

Valle d’Aosta – Nus

Lorenzo – 9 anni

Lorenzo - 9 anni
/

Ciao sono Lorenzo e vengo da Nus Vi volevo raccontare che secondo me la scuola del futuro sarà così, i banchi e le sedie al posto di stare incollati per terra fluttueranno e la stessa cosa in mensa, ma al posto del cibo normale come carne, pesce, lattuga o patatine serviranno cibi strani, e poi tipo ci può essere che al posto dell’ascensore ci sono dei teletrasporti e così via. Sì, la didattica a distanza l’ho fatta ed è stato un po’ impegnativo, perchè mi svegliavo, facevo colazione, mi lavavo, mi vestivo e poi iniziavo a fare i compiti e poi dopo pranzo se non li avevo ancora finiti continuavo. Il tempo della didattica a distanza è stato bello perché ero felice di poter rivedere i miei compagni e giocare con loro. Mi sono subito emozionato perchè al primo intervallo ho potuto finalmente giocare con i miei compagni. La cosa che mi manca di più della scuola di prima è che dobbiamo stare molto distanti e tenere sempre la mascherina. Invece prima, prima del Covid, potevamo non tenerla perchè non c’era. La prima cosa che ho pensato quando hanno chiuso le scuole è che non potevo più rivedere i miei compagni e fare l’intervallo insieme a loro.

Condividi la voce dei bambini: